Perle Australiane o Perle dei mari del sud

Le perle Australiane dei Mari del Sud sono interamente formate da perlagione naturale, detta nacre, che circonda un piccolo nucleo inserito nelle parti vitali dell’ostrica.Le perle Australiane sono le più grandi perle coltivate del mondo tra tutte le perle di coltura che vengono commercializzate. La dimensione media del diametro di una perla Australiana misura 13 mm, con diametri che variano da 9 a 20 mm.

Le perle Australiane hanno delle caratteristiche che le rendono uniche al mondo vengono prodotte dalla ostrica Pinctada Maxima e sono coltivate tra l’Oceano Indiano e l’Oceano Pacifico, principalmente in Australia, ma anche nelle Filippine e in Indonesia. Principalmente le coltivazioni sono estese tra la costa settentrionale dell’Australia e la costa meridionale della Cina. Queste acque sono l’habitat naturale della grande ostrica Pinctada Maxima. Questa ostrica cresce fino ad avere una dimensione massima di 30 cm di diametro e possono essere nucleate con innesti molto più grandi a quelli che vengono inseriti nelle coltivazioni delle perle Akoya.Le perle australiane hanno una lieve varietà di colori, generalmente bianche, argento e dorate, che sono colori rari nelle altre colture di perle.

Le perle Australiane sono stimate da collezionisti e professionisti come le più belle perle del mondo. Hanno un lustro straordinario e la loro superficie è satinata e lussuosa. Solamente una piccola percentuale delle perle Australiane ha forme ben rotonde, e questo fa delle perle ben rotonde una rarità e la composizione di una collana di perle Australiane ben rotonde e omogenee è spesso un lavoro molto lungo e complicato da realizzare.
Ci sono due varietà di Pinctada Maxima: quella a labbra argentate e a labbra dorate.

Queste si distinguono per le diverse colorazioni del bordo esterno della parte interna della conchiglia che ne determina il colore delle perle che vengono prodotte. Queste conchiglie sono anche note come “Mother-of-pearl”, cioè madreperla.

Queste ostriche consentono una sola nuecleazione alla volta, ossia viene inserito un solo nucleo. L’ostrica viene nucleata quando il suo sviluppo raggiunge la metà della sua dimensione, circa tra 12 e 17 cm, o intorno ai 24 mesi di età. Nonostante sia possibile introdurre un solo nucleo alla volta, queste ostriche possono essere nucleate 2-3 volte successive nel corso di diversi anni, come avviene anche per le perle di Tahiti.

Diversi sono i fattori che contribuiscono al raggiungimento di diametri così grandi per le perle Australiane. Un primo fattore è proprio la dimensione dell’ostrica Pinctada Maxima, un altro è la dimensione del nucleo che viene inserito nel processo di nucleazione, e ancora il lasso di tempo, solitamente diversi anni, che le perle vengono lasciate nelle ostriche, e infine la zona di produzione ossia l’ambiente nel quale le ostriche vengono coltivate. Le gonadi, o ghiandole riproduttive, delle ostriche Pinctada Maxima sono molto più grandi delle gonadi dellle ostriche Akoya, e per questo motivo la Pinctada Maxima riesce a secernere la madreperla intorno al nucleo molto più rapidamente che non le ostriche Akoya, specialmente nelle acqua calde.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *